Diritti

Filtra i contenuti di questo articolo

Diritto al cibo Donne Educazione Energie Gruppi sociali e minoranze Identità e cultura Lavoro e produzione Legalità e diritti Ricerca Salute Spreco Suolo, risorse naturali e biodiversità Mostra tutti

Noi crediamo che

  • tutti abbiano il diritto di accedere a una quantità sufficiente di cibo sicuro, sano e nutriente, che soddisfi le necessità alimentari personali lungo tutto l’arco della vita e permetta una vita attiva;
  • il cibo abbia un forte valore sociale e culturale, e non debba mai essere usato come strumento di pressione politica ed economica;
  • le risorse del pianeta vadano gestite in modo equo, razionale ed efficiente affinché non siano sfruttate in modo eccessivo e non avvantaggino alcuni a svantaggio di altri;
  • l’accesso a fonti di energia pulita sia un diritto di tutti, delle generazioni presenti e future;
  • l’investimento sulle risorse naturali debba essere regolato, per garantire e preservare alle popolazioni locali l’accesso a tali risorse e a un loro uso sostenibile;
  • una corretta gestione delle risorse idriche, ovvero una gestione che tenga conto del rapporto tra acqua, cibo ed energia, sia fondamentale per garantire il diritto al cibo a tutti;
  • l’attività agricola sia fondamentale non solo per la produzione di beni alimentari ma anche per il suo contributo a disegnare il paesaggio, proteggere l’ambiente e il territorio e conservare la biodiversità;

Noi riteniamo inaccettabile che

  • ci siano ingiustificabili diseguaglianze nelle possibilità, nelle capacità e nelle opportunità tra individui e popoli;
  • non sia ancora universalmente riconosciuto il ruolo fondamentale delle donne, in particolare nella produzione agricola e nella nutrizione;
  • circa 800 milioni di persone soffrano di fame cronica, più di due miliardi di persone siano malnutrite o comunque soffrano di carenze di vitamine e minerali; quasi due miliardi di persone siano in sovrappeso o soffrano di obesità; 160 millioni di bambini soffrano di malnutrizione e crescita ritardata
  • ogni anno 1,3 miliardi di tonnellate di cibo prodotto per il consumo umano sia sprecato o si perda nella filiera alimentare;
  • più di 5 milioni di ettari di foresta scompaiano ogni anno con un grave danno alla biodiversità e alle popolazioni locali, con gravi effetti anche sul clima;
  • le risorse del mare siano sfruttate in modo eccessivo: più del 30% del pescato soggetto al commercio è sfruttato oltre la sua capacità di rigenerazione;
  • le risorse naturali, inclusa la terra, possano essere utilizzate in contrasto con i fabbisogni e le aspettative delle popolazioni locali;
  • sussista ancora la povertà energetica, ossia l’accesso mancato o limitato a servizi energetici e strumenti di cottura efficienti, non troppo costosi, non inquinanti e non dannosi per la salute;

Preambolo

Noi donne e uomini, cittadini di questo pianeta, sottoscriviamo questo documento, denominato Carta di Milano, per assumerci impegni precisi…
Leggi

Consapevolezze

Siamo consapevoli che una delle maggiori sfide dell’umanità sarà quella di nutrire una popolazione in costante crescita senza danneggiare l’ambiente…
Leggi

Impegni

In quanto cittadini e cittadine, ci impegniamo ad avere cura e consapevolezza della natura e del cibo di cui ci nutriamo, informandoci riguardo ai suoi ingredienti e al come e dove è prodotto…
Leggi

Finale

Perchè vogliamo realizzare i nostri impegni e le nostre idee a livello sia locale sia internazionale, a Milano Expo 2015, nell’anno europeo per lo sviluppo sostenibile, ci impegniamo a…
Leggi

Pin It on Pinterest